pagelle sanremo

Sanremo – Le Pagelle – Quarta Serata

Sanremo – Le Pagelle – Quarta serata. Qui trovate quelle della serata cover.

Quando c’è Sanremo dormo pochissimo e il resto del mondo non esiste. Studio e mi preparo, compro Tv Sorrisi e Canzoni e una quantità infinita di fiori, ascolto le vecchie canzoni, leggo gli ascolti tutte le mattine come se fossi il direttore di Rai Uno e il volume della tv è a ottanta fino alle 2 di notte. Per fortuna che mia madre mi risponde ancora al telefono e passa ore a commentare. Ma alla quarta serata il gioco si fa duro e sono stata costretta a comprare due litri di Coca Cola per restare sveglia. Ok, sono un’ultrà di Sanremo.

Sono alla prima caffettiera. Peccato, Fiorello c’è pure questa sera. E c’è anche Amadeus con le sue giacche di Gai Mattiolo, perché nel 2021 c’è ancora chi veste Gai Mattiolo. Ma c’è la finale dei giovani. Azzardo la previsione: vince Davide Shorty.

DAVIDE SHORTY – Io sono sicura di averlo visto anche a X Factor e la canzone è l’unica ascoltabile. Voto 6.5

FOLCAST – Bugo nelle precedenti puntate era meno a disagio di lui sul palco. E anche l’anno scorso. Voto 5

GAUDIANO – È il mio giovane preferito. Ovviamente solo per il nome da tronista. Voto 6

WRONGONYOU – Finalmente un giovane vestito da giovane. Male, ma da giovane. Però con questo nome, sarà difficile avere un futuro. Voto 6.5

É stato il televoto più veloce della storia, tanto che non sono riuscita a capire chi è questa direttrice d’orchestra insieme ad Amadeus. Per fortuna che non scommetto neanche al gratta e vinci. Tra gli applausi finti, vince Sanremo categoria Nuove proposte Gaudiano, che avrà una bellissima foto ricordo insieme a Giovanni Toti. WrongOnYou vince il Premio della critica “Mia Martini” e Davide Shorty vince il Premio della Sala Stampa “Lucio Dalla” Nuove Proposte, ma non avranno nessuna foto. Ammettiamolo, sarebbe potuta andare meglio. Anche se nessuno ha usato la parola resilienza, l’unica talent scout di giovani promesse della canzona italiana è sempre e solo Maria De Filippi. Per sempre “Sa(n)remo giovani e bellissimi”, citando il film del mio migliore amico.

Gaudiano e Toti

Dai che andiamo velocissimi.

ANNALISA – Lei è una di quelle in quota Maria e fa rimpiangere la prima edizione di Amici, quando si chiamava Saranno Famosi e Dennis Fantina rubò la vittoria scandalosamente a Leonardo Fumarola. Giustizia per Leonardo. Voto 5

AIELLO – Pensavo che gli fosse successo qualcosa la prima sera per cantare in quel modo e invece è pure peggio. Voto 4

MÅNESKIN – La canzone dice “Parla la gente purtroppo parla non sa di che cosa parla”. Ecco io e le mie amiche non siamo interessate che il cantante parli o canti. Voto 7

Barbara Palombelli, nonostante Sorrentino abbia cercato di distruggerla ne La Grande Bellezza. Quando la vedo, penso al marito Francesco Rutelli e di conseguenza a Walter Veltroni. La serata può solo che peggiorare.

NOEMI – Io e Noemi abbiamo lo stesso parrucchiere a Roma. Infatti sono più belli i capelli che la canzone. Voto 5

Gli intervalli con Fiorello e Amadeus mi ricordano che sono davanti al programma più paternalista di sempre. La Grande Sagra dello Gnocco, citando Fellini. “Lo guardo perchè nazionalpopolare” e invece alla fine mi ricordo che è il Gran Carnevale Tricolore da cui non posso scappare. E di cui divento ogni volta anche io complice.

ORIETTA BERTI – ACAB: ALL COPS ARE chasing BERTI (cit. Marco Borromei) Con i vestiti scelti dallo stesso stylist di Lauro, è la vincitrice del festival prima che iniziasse. E probabilmente anche futuro segretario del PD. Voto 8

Orietta Berti a Sanremo

COLAPESCE E DIMARTINO – È il pezzo del festival che ascolto di più, anche mentre scendo le scale ballando, tipo la tizia con i pattini che sta sul palco con loro. Voto 8

MAX GAZZÈ – Questo è il brano che Max Gazzè canterà al Concerto del Primo Maggio. E pure a quello del prossimo anno. E dell’anno dopo ancora. Voto 6

WILLIE PEYOTE – Secondo me con questo testo sta un po’ rosicando. Dai Willie, stacce. Sei a Sanremo. Voto 5

MALIKA AYANE – Quando penso a Malika Ayane penso esattamente a una canzone così. Quello che ci si può aspettare a Sanremo. Voto 5

Mentre la gran festa continua è dovere di qualcuno rovinarla. Achille Lauro, salvami tu.
Sono a metà della bottiglia di Coca Cola. E ho la tachicardia, anche per colpa di Lauro.

Achille Lauro a Sanremo

LA RAPPRESENTANTE DI LISTA – Il fucsia è il mio colore e loro mi piacciono dalla prima serata. E poi l’ultima a vestirsi di fucsia a Sanremo è stata Maria Nazionale, ma con lei oltre il colore del vestito, sparavano pure i parenti. Invece LRDL c’hanno un pezzo che verrà sparato dalle radio fino al prossimo tormentone. Voto 7

MADAME – “Ma la scopri adesso? Io la seguo da quando aveva diciotto anni”. Cioè oggi. Alla prossima conversazione così che mi capita, non risponderò di me. È comunque la mia prefe. Pure di mia madre, “Però dopo Achille Lauro”. Voto 8.5

ARISA – Potrebbe cantare anche la canzone più bella del mondo, ma ogni volta che la vedo penso solo a “Sei falsa Simona cazzo”. Voto 6

Amadeus e Fiorello hanno deciso di sconfiggere il paternalismo di Sanremo con “Siamo donne” di Jo Squillo e Sabrina Salerno. Peccato che sia proprio l’opposto. La Coca Cola è quasi finita, ma non la mia pazienza. Però sono vicina all’infarto.

Sanremo

COMA_COSE – Anche questa sera il loro amore non riesce a sconfiggere il mio cinismo. No, non è vero. Si guardano con gli occhi a cuore. E io sono solo invidiosa del loro amore. E non mi fanno rimpiangere più il matrimonio e la canzone dei Jalisse. Voto 7.5

Non ho più nulla di commestibile in casa. Solo i fiori che ho comprato. Però grazie alla pubblicità, sono ormai consapevole che prossimamente ci saranno un centinaio di fiction terribili.

C’è Mahmood. E gli voglio bene perché, vincendo il festival due anni fa, ha fatto arrabbiare Salvini, rischiando di diventare il nuovo punto di ripartenza della sinistra italiana, che poi però ha scelto l’ennesimo nuovo libro di Veltroni.

FASMA – Lo confesso. Ho dovuto chiedere a Google “Chi è Fasma?”. E ancora non ho ben capito. Però usa gli ear monitor come me. Voto 5

Barbara Palombelli a Sanremo

Davanti al monologo di Barbara Palombelli ammetto la sconfitta: Rutelli, Veltroni e Franceschini avete vinto. Speravo de morì prima.

LO STATO SOCIALE – L’inno delle Sardine sarà scritto da loro. Questo è forse il pezzo più brutto della loro discografia. Anche se una menzione d’onore va per l’esibizione nella serata delle cover. M’hanno commosso. Voto 5

FRANCESCA MICHELIN E FEDEZ – Fino all’ultimo minuto di questo festival continuerò a sperare nell’arrivo sul palco con loro di Chiara Ferragni e Baby K. “Questo è il pezzo mio preferito!”. Voto 7

Mi inizio a confondere. Ci sono Alessandra Amoroso ed Emma Marrone, ma non sono in gara e non è neanche la pubblicità degli assorbenti. Però è ulteriore prova che Maria De Filippi è più potente e trasversale di Draghi.

IRAMA – Vedere per la seconda volta il video registrato delle prove generali è sicuramente reato di tortura. Ecco, mi ha appena chiamato mia madre dicendo “Ma si veste sempre uguale?”. Voto 6

EXTRALISCO E DAVIDE TOFFOLO – Per me il liscio è una cosa serissima e lo provano i corsi di ballo da sala che ho fatto in quarta elementare e due anni fa. E loro mi hanno regalato momenti di felicità in questi giorni. Riaprite le sagre perché voglio tornare a guardare la gente che balla e a rimorchiare i signori a bordo pista. Voto 7

Fiorello e le giacche di Gai Mattiolo hanno decido di rovinare tutto quello che arriva sul palco. Penso che prenderò presto della camomilla con la melatonina.

GHEMON – Io me lo ricordavo diverso. E pure le canzoni. “Guardete com’eri, guardete come sei. Me pari tu zio!”. Voto 5

Finocchiaro a Sanremo

FRANCESCO RENGA – Da adolescente passavo le notti a piangere con le sue canzoni per il fidanzato del mare che probabilmente mi aveva lasciato prima che arrivassi a casa. Ma ho sempre preferito le canzoni dell’ex moglie Ambra. E anche oggi. Voto 4.5

È tornata l’Amoroso, Renga canta di nuovo perché non funzionavano i microfoni, ci manca di nuovo il video di Irama. Sto rimpiangendo le battute sulle poltrone vuote.

GIO EVAN – Non ti puoi presentare a Sanremo con i pantaloni corti. Sono banditi come le calze color carne e le scarpe aperte. Voto 5

ERMAL META – Domani per la quarta volta consecutiva mia madre mi racconterà la triste storia della vita di Ermal MetaL. Vincerà il festival e lo sentirò per i prossimi mesi in fila alla cassa del LIDL. Voto 6

BUGO – Voglio bene a lui e al suo disagio, che è anche il mio, come se fosse un fratello. “Na na na na na”. Voto 7

FULMINACCI – Santa Marinella è il mio mare di Roma, ma dopo Ostia. E Fulminacci c’ha ragione, anche se io al mare ci vado pure sola, senza nessun accollo. Voto 7

GAIA – A questo punto sono costretta ad ammetterlo. Guardo pure Amici di Maria. E se Gaia avesse cantato questa canzone, Maria non l’avrebbe mai fatta vincere. Voto 5

RANDOM – Ma per la Palombelli “rEndom”. C’ha ragione l’amico mio, se ne avessero scelto uno a random, sarebbe andata meglio. Ho sperato che la regia mandasse di nuovo il video di Irama. Voto 4.5

C’è la classifica e non capisco perché non ci siano le urla di disaccordo del pubblico registrate come gli applausi. E la sala stampa non sorprende, facendo arrivare primi Colapesce e Dimartino. Manca la finale e ancora primo indiscusso è Ermal MetaL. L’ho detto, vince lui. È finita e io sono sopravvissuta, ma ho deciso di non rischiare. Domani, anche se ci sta il coprifuoco, esco. Vado a buttare l’umido per tutto il palazzo. Sicuro questi fanno vedere di nuovo il video di Irama.

Classifica Sanremo

Le Pagelle della quarta serata sono a cura di Giulia D’Amato

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *